"riuniamoci insieme per vivere una vita raccolta e fare del bene"

Fondatrice - vita

clelia fondatrice vita minime santa cleliaClelia Barbieri, figlia di Giuseppe e Giacinta nanetti, nasce alle Budrie di San Giovanni persiceto 13 febbraio 1847. Rinasce al fonte battesimale nello stesso giorno, conosce ben presto la fatica e il dolore. Il Papà muore, stroncato dal colera. L’11 luglio 1855. Riceve la cresima 8 giugno 1856. Sotto l’ azione dello Spirito, si sente presa da un grande pensiero e mentre lavora vicino alla sua mamma, le chiede “Mamma, come posso fare per farmi santa?”.

Clelia riceve la prima comunione il 27 giugno 1858. Il primo incontro con Gesù suscita quelle interiori decisioni che determinano il so orientamento spirituale per tutti gli anni futuri e l’intuizione globale della sua vocazione sia sotto l’aspetto contemplativo che missionario: Dio e gli altri, preghiera e servizio di carità.

santa clelia lavanda addolorataNel 1862, Clelia entra far parte delle operarie della dottrina cristiana”, un gruppo giovanile a cui aderiscono anche Teodora Baraldi, Orsola Donati e Violante Garagnani. Attraverso il servizio catechistico Clelia chiarisce la sua vocazione, prende quota nella preghiera e nella carità ed elabora un piano di vita comune con un progetto contemplativo e apostolico: Riuniamoci insieme per vivere una vita raccolta e fare del bene” ideando una nuova forma di vita comune misurata sulla pura sostanza del Vangelo. Il 1 maggio 1868 sostituisce il piccolo “Ritiro della Provvidenza” nella casa del Maestro.

Nelle lunghe ore che Clelia passa presso il tabernacolo, Gesù la riempie di sé con una capacità di pregare sempre più profonda. A contatto con Gesù vivo diventa sempre più capace di amare e donare. Impara a servire i più poveri, i malati e a stare accanto ai moribondi che hanno bisogno di cure e di assistenza. Insegna il catechismo non solo in parrocchia e nella sua casa, ma si reca presso le famiglie dove ci sono bambini e ragazzi da istruire e ovunque porta il vangelo con la parola e con la vita.

Nel 1869, Clelia ha due grandi esperienze mistiche: una ispirazione grande durante la Santa Messa del 31 gennaio e la lavanda dei piedi del giovedì Santo. Del 25 marzo.

Liturgia del giorno