"riuniamoci insieme per vivere una vita raccolta e fare del bene"

  • Home
  • Riviste e Pubblicazioni

La Rivista

Contattaci per abbonarti:
Telefono: 051.341755 – Fax: 051.342624
e-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SCARICA E LEGGI I NUMERI DELLA RIVISTA

Pubblicazioni

Santa Clelia Barbieri, una vita “trasfigurata” dall’Eucaristia è un testo di don Nicola Galante, diacono dell’arcidiocesi di Capua, scritto in occasione dei centocinquant’anni (31 gennaio 1869) dalla stesura della Lettera a Gesù e centocinquant’anni (25 marzo 1869) dal gesto della lavanda dei piedi.

Riproporre l’esperienza spirituale cristiana di s. Clelia Barbieri rappresenta un’occasione favorevole sia per conoscere un esempio del «genio femminile» della santità, sia per sviluppare alcune prospettive derivanti dalla sua esperienza di Dio.

A partire dalla concezione balthasariana secondo cui l’esistenza di un santo è un locus theologicus, il testo, dopo aver compiuto una pennellata del ritratto della Santa delle Budrie, si dipana attraverso un commento biblico-spirituale dell’unico autografo di santa Clelia Barbieri, Caro il mio Sposo Gesù

Il filo rosso di tutto il “vissuto” della Barbieri può essere rinvenuto nella dimensione “eucaristica” corroborata dall’esperienza della misericordia. Clelia, infatti, avendo fatto esperienza della misericordia come dono, vive nella prospettiva della gratitudine, con uno sguardo “profetico” sulla realtà e adoperandosi per promuovere la seminagione di bene. Ella non vive secondo la logica del massimo edonismo individuale, puntando al perseguimento del proprio interesse per bastare a se stessa, ma sceglie la via caritatis verso Dio il prossimo ed il creato, autentica garanzia di credibilità della testimonianza del Vangelo.

LEGGI TUTTO

Contro ogni deriva solipsista, Clelia matura la sua vocazione all’interno della comunità parrocchiale, partecipando attivamente alla vita sacramentale; contro il tarlo spiritualoide, Clelia si prende cura delle “periferie esistenziali” del suo tempo, fino a fare della cura delle povere fanciulle del suo territorio la sua “opzione fondamentale”; contro l’illusione giansenista, Clelia propone il Dio di misericordia, così come ci è stato rivelato da Gesù Cristo, che ogni umano può incontrare lungo la via possibile della santità.

Mediante l’ascolto della Parola e la frequenza dei sacramenti, Clelia costruisce le basi della sua spiritualità, finalizzata alla koinonía con Dio ed i fratelli e alla presa di distanza dai falsi miraggi dell’egoismo e dell’autoreferenzialità. Si tratta di una spiritualità in azione: la nostra Santa cerca di far seguire alla conversione nella fede, cioè il rapporto profondo con la Santissima Trinità, la conversione morale, che potremmo definire come l’impegno a favore degli altri nella gratuità e secondo le proprie possibilità.

Per maggiori informazioni contattare la congregazione al seguente e-mail:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Per ricevere informazioni sulla vita di santa Clelia e acquistare le nostre pubblicazioni contattare la congregazione al seguente indirizzo:

Sede Generalizia
Via Tambroni 13
40137 Bologna

Telefono: 051.341755 / 051.342624
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Liturgia del giorno