"riuniamoci insieme per vivere una vita raccolta e fare del bene"

Spiritualità

chi siamo spiritualita minime santa cleliaSanta Clelia è l’espressione di una spiritualità ordinaria e comune della Chiesa. Non è il frutto di una scuola di spiritualità, si è formata attraverso le fonti cristiane più accessibili: Il Vangelo e soprattutto l’Eucaristia.

Dal Vangelo coglie la luce e la forza per un cammino di interiorità e di conformità a Cristo.

La Parola di Dio accolta e interiorizzata quotidianamente apre la porta alla conversione del cuore e alla contemplazione del Mistero di Cristo Crocifisso e Risorto.

 

Vita sacramentale: soprattutto l’Eucaristia, sorgente della nostra consacrazione è il luogo dove si colloca il nostro carisma.

Tutta la ricchezza interiore di Madre Clelia deriva dal contatto personale con Dio, dall’incontro con Gesù nell’Eucaristia nella comunità parrocchiale e dal suo servizio di operaia della dottrina cristiana.

Madre Clelia ripeteva: “bisogna amare il Signore a Lui nulla negare”

La fisonomia delle Minime secondo la costante tradizione presenta queste caratteristiche:

  • Senso ecclesiale: che ci inserisce nella Chiesa e ci fa partecipe della sua vita della sua preghiera e della sua missione
  • Spirito contemplativo: inteso come fame e sete di Dio e reale primato dell’orazione
  • Servizio di carità: generato dall’Eucaristia ed aperto ai bisogni dell’uomo di ogni tempo.
  • Senso di semplicità e di gioia proprio dei piccoli del Vangelo

Beata Vergine Addolorata nostra Patronaimmagine addolorata minime

Santa Clelia ci ha lasciato in preziosa eredità la devozione alla Beata Vergine Addolorata da cui la nostra famiglia prende il nome. Il luogo della realizzazione del nostro carisma e della nostra realtà di donne consacrate è con Maria ai piedi della croce. Con Maria viviamo la nostra maternità spirituale che ci rende corredentrici con Cristo e ci pone accanto ad ogni sofferenza umana come umili ancelle per generare al mondo una vita nuova.

 

 

San Francesco di Paola nostro protettore

San Francesco da Paola Minime AddolorataProtettore della nostra Congregazione è San Francesco di Paola.
Clelia aveva una particolare venerazione per il Santo paolano, per il suo amore alla povertà, e per il titolo “Minimi” che aveva dato al suo Ordina, Infatti “questa parola piaceva molto Santa Clelia.
Minimo per San Francesco di Paola, come per Clelia, dice spogliazione totale di sé, radicale autorinuncia con cui si porta a compimento l’umiltà. In Lui vedeva un Vangelo vivente; ne imitava i gesti e le parole, ne sperimentava l’intercessione.

Liturgia del giorno

Riviste e Pubblicazioni